Torino – mercoledì 30 novembre – FNAC

La prima volta che sono stato a Torino ho visto la Mole ed è stato di sera. Molto da vicino, e da sotto. Era già buio, e la Mole era illuminata azzurrina. M’ha fatto pensare subito a Moebius, vai a capire il perché, difficile quindi spiegare dove sia scaturito il nesso, ma è rimasto saldato per sempre. Immaginai una grande astronave contaminata da elementi architettonici ottocenteschi disegnata da Lui.

In seguito sono tornato a Torino per altre occasioni, ma non ci ho più fatto caso.
È una città che mi piace, ci sono amici, questo contribuisce. Ci sono tanti libri, anche questo.

Stavolta torno per presentare Post Coitum, che sta andando molto bene, mi confortano dalla casa editrice, e che io accompagno sempre volentieri in queste occasioni di incontro multiplo. Multiplo, primo perché incontro e viaggio con Michele e Caterina della Bao che sono due amici con cui sto bene, e non è facile, e che praticamente sono una guida Michelin vivente per i ristoranti del nord Italia, questo contribuisce. Secondo, perché incontro gente che viene ad ascoltare, a vedere, a far domande, ed è impagabile.
Terzo perché incontro la guest star dell’evento, che si presta a padrinarmi l’evento, ed quasi sempre un vecchio amico di web. Stavolta è uno dei più vecchi: Alessandro Bonino, uno dei due papà di Spinoza (anche se io conosco l’altro, Stefano Andreoli, e dico che la mamma è lui).

Bonino è uno stitico di complimenti, come dev’essere un Deo del web quale Lui era già prima di Spinoza, ma, in tempi non sospetti, ne elargì non pochi all’indirizzo del makkox e questo contribuì non poco alla diffusione della sua (mia) opera (opera).
E poi l’ho incontrato da poco a Cuneo, di cui è fondatore, e insomma, il calore umano s’è aggiunto alla stima e alla riconoscenza digitale.

Spero c’incontreremo in tanti. FNAC di Torino centro. Ore 18.00. Sicuro ci sono io, c’è Zio Bonino, c’è la Molebius III, trasporto interstellare di classe Taurus. Quando vi ricapita più.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Torino – mercoledì 30 novembre – FNAC

  1. Stefano scrive:

    Ma sai che, più che a Moebius, la Mole-astronave mi fa pensare a Jean Claude Forest?

  2. la mia città ti accoglierà alla grande ma con discrezione!
    Ciau, ne!

  3. pietroizzo scrive:

    allora mak, ovviamente io ci sarò (con tutto il mio enthuziazmohhh come diceva Piero Pelù)… Quando ricapita che torni a Torino? In compenso io farò un salto a Formia lunedì, ma nel frattempo ti invio una mail per chiederti un consigliuzzo…
    a presto!!!

  4. Marco scrive:

    Ho conosciuto lo zio all’università e da allora ho un debito di riconoscenza verso di lui, perché prima di incontrarlo mi sentivo un alieno, poi non più.Ringrazio ora.
    Te, Makkox, ho conosciuto solo quest’anno, e ho capito che arrivi dallo stesso suo pianeta. Grazie pure a te.
    Il mio spirito (purtroppo solo quello) accorrerà alla fnac per salutare il vecchio amico e farsi autografare dal nuovo il dopo coitum.

  5. Endriu scrive:

    Beh, visto che vieni a Torino, non puoi non desinare alla mitica Trattoria Unione Famigliare a Reaglie. Si mangia benissimo.
    Comunque io cercherò di esserci con il librone e con le 10 paia di cazettini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *