i dolori del vecchio mak

Una settimana fa, a Sassari, ero lì per un incontro in libreria, nel pomeriggio vagando per un parco, magnifico, guardando per aria gli alberi, che mi piacciono gli alberi, sono sceso agilmente da un gradone immaginandolo 20 cm più basso di quanto era, e mi sono insaccato sul mio ginocchio fesso e distratto che s’è torto e ha fatto crock.
Non racconto il viaggio di ritorno che saprebbe di paziente inglese.
Al ritorno mi sono messo a riposo: è l’unica cosa.
Domenica scorsa mi sentivo meglio. Potevo camminare, un po’, con calma e attenzione, quindi ho proposto “Andiamo da IKEA a far compere! Che tanto è una roba tranquilla l’IKEA la domenica“.
Ora son qui con la stampella appoggiata alla sedia e il gambone dritto su un cuscino che scrivo ‘ste righe.
E scrivo per scusarmi, tardivamente, con mario della Fumetteria Arcadia di Bergamo in cui era previsto un incontro questo sabato.
Comunque i volumi de Ladolescenza previsti glieli spedisco, così chi li aspetta troverà almeno quelli.

Ah, nell’immobilità forzata c’è un risvolto positivo: posso riprendere la personalizzazione degli albi dei santi apostoli che aspettano con pazienza giobbìaca. E poi m’hanno promesso che se non mi do da fare mi portano in pari con l’altro ginècc

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

8 risposte a i dolori del vecchio mak

  1. carlo scrive:

    Volevo fare un commento ma poi invece non avevo niente da scrivere su questo evento. Quindi mi ritrovo a scrivere cose che nessuno vuole leggere e che nessuno vorrebbe nel proprio blog; è come quando pensi che ci sia un gradino e invece dai la zampata a vuoto come se tutto il plotone dovesse cambiare il passo.. Non sarò mai simpatico come Mak..

  2. matteo scrive:

    no in effetti no

  3. anna scrive:

    Mak,mi dispiace per quello che ti è successo! Belli gli alberi! rapiscono l’anima e succede di perdere la dimensione spaziale…

  4. Joel scrive:

    Sono parecchio sensibile alle distorsioni/rotture/lussazioni del ginocchio, mie e altrui, ti auguro di rimetterti, e di tornare mejo che prima, ma con calma che devi lavorare 😀

  5. Salvatore Rizzuto Adelfio scrive:

    Où, ho quasi sentito anche io un dolore al ginocchio destro. Dimostratami la mia compassione me lo finisci il canemucco, ti prego, ti prego. Tanto mò non ti puoi muovere. Trasforma il dolore in piacere (bhè non è molto corretto chè sarebbe il tuo dolore nel nostro piacere, ma non andiamo tanto per il sottile). Arripigghiati!

  6. RRobe scrive:

    Ahahahah!
    Ripigliati.

  7. eio scrive:

    Un mio amico ha messo il piede nel posto sbagliato e è morto.

  8. spino scrive:

    Lui, eh? 🙂

    Buongiorno, Dottor Recchioni! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *