dediche e note di consegna

Cari amici e care amiche
iniziamo oggi questa rubrica, che avrà cadenza una tantum, ringraziando tutti voi e tutte voi per aver contribuito al mio sogno di papero di vendere comodini fatti a mano.
Detto ciò, DUE chiarimenti m’è d’obbligo pubblicarli in quanto sollecitato dal testo contenuto nelle “indicazioni per il venditore” allegato ad alcune transazioni.

Punto primo: le dediche. Molte di suddette note recano in seno l’equivoco sorto dalla mia promessa di corredare gli albi de Ladolescenza, versione su carta Dalì, con un disegnino acquarellato di mio pugno e dedicato al generoso acquirente. Confermo: sarà così. Ma non ci s’è intesi sul concetto di dedica. Riporto a tal proposito uno stralcio, esemplificativo di diversi altri in tono, tratto dalle “indicazioni per il venditore” di un caro amico che lascerò però celato nell’anonimato (ho sostituito i nomi con altri di fantasia).

“[…]e quindi, Mak, sono orgoglioso dell’acquisto e complimenti per il tuo lavoro e per l’indipendenza da committenze con cui lo porti avanti. Per la dedica acquerellata: siccome ho una fidanzata di nome Lorenza, Enza per tutti, che ha un gatto persiano rosa di nome Fiordifragola, mi piacerebbe tu disegnassi fiordifragola ed enza su un prato di margherite e in lontananza si vedesse Castelmonte di Capratorta, mio luogo natio, di cui allego link a foto. Particolare cura vorrei tu prestassi alla riproduzione del decoro bizantino del campanile della chiesa della trinità crocefissa.
Inoltre, nota bene, Enza veste solo liu-jo quindi ti linko anche il sito ufficiale colla collezione primavera estate 2011 in modo che tu possa riprodurre […]”

Che dire? Una strippona delle mie vale più di mille parole

Chiarito che disegnerò il cavolo che mi gira nel cuore in quel momento, e apporrò la dedica in firma, con vero e sincero affetto, perché se fossi meno sincero e più scaltro non farei la fame che faccio e magari sarei illustratore per un grande giornale o madonnaro o entrambi, passiamo al secondo punto.

Secondo punto: la spedizione. Spedirò utilizzando il servizio postale calssico (la Posta) non agenti dell’MI-5. La spedizione sarà effettuata con formula “piego di libri” con tracciamento (infatti costa 2,2-e-rotti euro invece di 1,6-e-rotti).
Io potrei anche comunicare, all’atto della consegna in ufficio postale, istruzioni scritte come segue, che tali alcune mi son giunte, ma non so se sia previsto nella modulistica.

“[…] e sono felicissima, caro Makko, di aver contribuito al tuo sogno di editore di te stesso e spedizioniere di te stesso come sempre hai desiderato soprattutto la seconda.
Per la spedizione ti prego perciò che il pacco venga consegnato alla portineria, ma SOLO se c’è Riccarda, che è una brava persona e me lo conserva. Se invece ci fosse suo figlio Rudy, ASSOLUTAMENTE non consegnare il pacco a costui, che se lo ruba e se lo vende per comprarsi la marmitta a spillo per il califfone. Se la portineria non fosse presidiata, verificare che all’esterno non sia visibile un califfone 50 rosso, modifica pollini 75, marmitta a espansione cobra; in tal caso Rudy è in giro a farsi una canna o chissaché, quindi andare al citofono e suonare Romano, se risponde il marito, dire mi scusi ho sbagliato e chiuderlà lì, che quello poi si scorda tutto, se invece risponde la moglie, Clara, dire che c’è quel famoso pacco che aspettava Mirna e vedrete che […]”

Io Vi Amo. Ma sul serio.
[Marco]

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

16 risposte a dediche e note di consegna

  1. peppe scrive:

    si si ok ok ma spedisci subitoooooooooooooo cazzooooooooooooooooo

  2. Amedeo scrive:

    Uagliò, tu sì gruosss!!

  3. Tralasci infine la rottura causata da chi (come me) te n’ordinò più d’uno.
    Che , siccome sei un uomo d’una certa età e quindi rotto ai casi della vita (parlo per affinità, deh), potresti pensare causata da mire speculatorie – temendo spuntare dolescenze come funghi su ebbay. (E invece – semmai tal pensiero ti avesse sfiorato – sappi che questa fosse stata la mia intenzione t’avrei fatto tre richieste diverse, ognuna da falso nome femminile tale da solleticare il tuo lato più basso – e intendo la solleticazione intellettuale di nomi quali Malvina, Eleonora, Stella, tutte fanciulline adatte a comparsare in “Comic Sans”).
    Comunque no: sappi che ordinai più copie perché quando arriverà il momento del compleanno di qualche amico/amica cara, io toh! ci ho il regalo perfetto. Pensa la soddisfazione: sostenere un grande comodinista, diffonderne il verbo, fare pure bella figura. E siccome ho amici di gusto, il tuo “cavolo di cuore” sarà sempre apprezzato.
    Anzi, io se fossi un’altro lettore ci penserei, a ordinartene un altro paio.
    Basta chiacchere, sosteniamo i grandi artisti: ordini più dolescenze, fai felice Makkox e bella figura con gli amici.
    Dillo, che mi ami, Marco – anche se non mi chiamo Eleonora.

    E male male ebay è sempre lì.

  4. Marco Careddu scrive:

    Ben venuto nel mondo della Varia Umanità (V.M. per gli amici ) Io vorrei un segnalibro di forma rettangolare e molto sottile , una fettina del suo culetto. ( senza peli che sono allergico )

  5. sara scrive:

    a me piace il papero con le balducci 🙂

  6. Guglielmo scrive:

    Forse non ti è chiaro l’immagine che ha il fan del maestro: “Qualunque cosa fai, è ben fatta”.
    Scherzi a parte: si crede nel tuo lavoro, e basta. Dedica o non dedica. Almeno per quanto mi riguarda. Poi sì, è vero, c’ho scherzato sopra, e come me, molti altri. Ma in cuor nostro ci vanno bene anche due schizzi della frittura di calamari.

  7. mimmo scrive:

    grande, grandissimo!!! la strippa di te papero-bimbo+balducci è BESTIALE!!!!
    anche una scatarrata per skizzo va bene! 🙂

  8. Naonda scrive:

    Mi scompiscio, soprattutto avendone donde 😀

  9. Angelo Maria Pirone scrive:

    Poche chiacchiere e cicalecci: quando arrivano i tomi? o dobbiamo venire fin lì e piazzarti un paio di bombe sotto casa? così giusto per farti capire che il cliente ha sempre ragione! tzè


    .
    😀

  10. Pingback: Canemucco – Le dediche, la consegna e il sig. Capasso

  11. Claudio scrive:

    “la marmitta a spillo per il Califfone” e successiva vignetta sono semplicemente UN MITO!!!! Sei il mio eroe.

  12. Andrea Mazzotta scrive:

    ahaahhahahaha. Bellissimo. Ahahahhaha.

  13. Silvia scrive:

    la “mia” copia è partita…intanto volevo ringraziare per la simpatia, pazienza e disponibilità Valeria, che ha risposto con un mix delle suddette qualità alle mie richieste ansiose…

  14. wallyci scrive:

    è stato bello 🙂

  15. monica scrive:

    Sono il numero 29.
    E’ arrivato due giorni fa.
    E’ bellissimo anche perchè molto nostalgico.
    grazie.
    monica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *